.

 INFORMAZIONI

CAMMINARE FA BENE

(Ivana Ramella)E’ utile sapere che molte delle patologie che ci affliggono, potrebbero essere evitate con il camminare.E’ quanto emerso dal convegno “ La salute in cammino : 10.000  passi per star bene” itriondetto dall’aslbi. Non uno slogan pubblicitario, ma un consiglio scientifico disinteressato.  Il progetto,rivolto ai comuni biellesi,vuole dimostrare come sia possibile mantenere un buono stile di vita con una attività applicabile da  tutti Nei cinque paesi, che hanno aderito all’iniziativa, ci
saranno strade denominate “ scuola del cammino”.

Percorso di un kilometro per imparare, sotto la guida di esperti, le tecniche di camminata: corretta respirazione, postura, coordinazione. Camminare favorisce una condizione di vasodilatazione che agisce a livello vascolare e neuropsicologico, calmando lo stress e migliorando il tono dell’umore. Giuseppe Graziola,referente medicina dello sport aslbi, ha ricordato come l’attività fisica contrasti il diabete, le malattie cardiovascolari e alcune tipologie tumorali. grazio
I relatori presenti all’incontro,hanno ribadito l’importanza del progetto, volto alla tutela della salute pubblica con minori costi per la sanità e maggior conforto per il cittadino.
“Bruco millepiedi”
è il simbolo adottato nei percorsi dei Comuni di Biella, Cossato, Vigliano, Lessona e Candtotemelo.Trenta minuti di camminata al giorno, anche frazionati, sarebbero utili per tanti problemi di salute. C’è da sperare che il messaggio funzioni.


……………………………………………………………………………………………..

VIDEO: PAROLE PREMIATE : a spasso con la letteratura

VIDEO:   Biella Nordic Walking Lugano Andrate 2016

VIDEO:    Rispondiamo “Presente”ai presenti   

VIDEO:   18 Neolaureati in Scienze Infermieristiche a Biella

VIDEO:   Autismo 2016 : Iniziative a Biella Piazzo e in città 

VIDEO:   Mostra fotografo Bresson

VIDEO:   Ospedale di Biella. Mostra fotografica per la giornata della donna

VIDEO:   ASL Biella. Musica e Medicina ultimo appuntamento

LogoTG

scrivi a posta@telebiella.itBUSTA2

CONSIDERAZIONE  di Giuliano Grizi, pretore che portò il “caso telebiella” alla Corte Costituzionale: Con il proliferare incontrollato delle Televisioni private i cui programmi segnano il trionfo della volgarità, dell’osceno, della violenza, del turpiloquio e forniscono un’informazione che, quando non è completamente falsa, è incompleta, deformata, tendenziosa, diretta a favorire interessi di parte, è legittimo porsi la domanda: “Telebiella” fu un bene o un male?

     ———————————————

  

LogoVItaglia

DaLeggere

.